lunedì 16 luglio 2018

MOONSPELL's FERNANDO RIBEIRO REVEALS UPCOMING RELEASES ON ALMA MATER RECORDS!

[photo by Paulo Mendes]

Vocalist of Portuguese dark metal pioneers MOONSPELL, Fernando Ribeiro seems to be a restless spirit. Beside heavily touring the world, releasing highly acclaimed records with his band MOONSPELL including their upcoming Live DVD as well as his recent dark poetry book released in English for the very first time ever, Ribeiro has started his own label imprint ALMA MATER BOOKS & RECORDS. With Alma Mater, he is not just returning his longtime experiences, network, support and manpower while being an active and successful musician in the music industry for more than 25 years back to the finest music talents the Portuguese scene has to offer, ALMA MATER BOOKS & RECORDS will also release some exciting book editions and combining the art of heavy music and books under one label.

Says Fernando Ribeiro: „Even tough I love what I do with Moonspell  I always found myself attracted by the doing of other things. Many of my idols like Quorthon (Ace Thomas Forsberg) from Bathory Offical  and Tom Gabriel Fischer have always other duties, revolving around the band but not limited to the band, that I found inspiring.

Putting the two things I like the most: great, meaningful music and excellent literature/poetry together is my plan with ALMA MATER.

Moonspell's struggle for quality and pertinence shall be reflected on the label’s joband we are trying our best to make Alma Mater Books & Records a solid, lasting label, looking into the future by signing Portuguese talent (D E S I R E + Okkultist ), provide them with the investment and knowledge they need; but also to pick and choose from our repertoire and create top of the chain editions while also looking into bands that have inspired us as musicians and spread that legacy through the release of limited editions like the inimitable Clouds from Tiamat  or the early, superbly raw materials of Paradise Lost and many more to come. Alma Mater!“

DEMANDE À LA POUSSIÈRE UNVEIL FIRST ALBUM DETAILS! Self-titled Debut Album Coming September 28th On Argonauta Records!


French Blackened Post-Core band DEMANDE À LA POUSSIÈRE, who just recently inked a deal with Italian label Argonauta Records, have unveiled first and hotly anticipated details about their upcoming and self-titled debut album! Set to be released on September 28th 2018, with their solid and eclectic attitude DEMANDE À LA POUSSIÈRE deliver an impressive hypnotic yet aggressive sound which move from Blackened Post Metal to Sludge and Doom, with an apocalyptic vibe of ambient bleakness!

Says the band: “Our album is a condensed substance of blackness. Carried by the only desire to take the listener in the apocalyptic meanders of an ordinary madness, in the midst of a profound sadness. Each title has its own soul and leads as an initiatory journey to the most absolute darkness. DEMANDE A LA POUSSIERE works to exorcise the greatest fears of peyote of the distant Indian tribe. Massive, heavy and sometimes unhealthy, tortuous is the way of redemption. The ghost of John Fante helps this project in what his poetry has worn as pain”.

The tracklist will read as follows:
1. L'Univers
2. Le Lendemain
3. Etranglé
4. L'Unique Certitude
5. Le Parfum des Cités Perdues
6. Accroché
7. Condamnés
8. 360°

sabato 14 luglio 2018

STORMWITCH - Bound To The Witch

"Bound To The Witch"

Release Date: on June 29, 2018


Label: Massacre Records

Country: Germany

Genre: heavy Metal

Tracklist:
1. Songs Of Steel
2. Odins Ravens
3. The Choir Of The Dead
4. Bound To The Witch
5. Arya
6. Stormwitch
7. Life Is Not A Dream
8. King George
9. Ancient Times
10. The Ghost Of Mansfield Park
11. Nightingale
12. Stronger Than Heaven (bonus track)
13. Rats In The Attic (bonus Track)
14. Priest Of Evil (bonus track)

Gli Stormwitch sono una delle tante heavy metal bands tedesche che negli anni 80 hanno tentato di ritagliarsi il proprio piccolo spazio. Non hanno mai nemmeno sfiorato il successo di Accept o Running Wild ma questo non toglie nulla al valore di “Walpurgis Night”, “Tales Of Terror” e “Stronger Than Heaven”, lavori magari un po’ stereotipati ma che si ascoltano volentieri ancora oggi, a più di 30 anni di distanza. 
Dagli anni 90 in poi l’attività della band si è fatta discontinua: gli immancabili cambi di formazione, qualche album non sempre riuscito e un periodo di stop durato dal 1994 al 2002. Oggi l’unico superstite è il cantante Andy Aldrian, a cui possiamo aggiungere il bassista Jurgen Wannenwetsch, rientrato da qualche anno, che aveva fatto parte della band nei suoi primissimi giorni senza incidere nulla.

Questo Bound To The Witch è probabilmente il lavoro più riuscito dai tempi di “The Beauty And The Beast”, quello che con più convinzione si riallaccia ai lavori storici della band senza sfigurare. Gli Stormwitch resistono alla tentazione di modernizzare il proprio sound o di “pomparlo” con produzioni iper-vitaminiche e continuano a proporci quello che a loro riesce meglio: classicissimo heavy metal anni 80 con le sue inevitabili influenze Iron Maiden-Judas Priest, infarcito di tematiche horror, come dimostrano titoli come “Bound To The Witch”, “The Choir Of The Dead”, e l’autointitolata “Stormwitch”. Queste ultime due possono sicuramente essere annoverate tra le migliori songs: semplici ed immediate, si cantano subito dopo il primo ascolto. Ma tutto il lavoro risulta nell’insieme valido, l’acceptiana “Odins Ravens”, il class metal di “Arya”, la ballata “Nightingale” (che ricorda un po’ la storica “Tears By The Firelight”) e l’epica “King George” sono brani che si ascoltano con grande piacere.
La versione digipack include 3 classici risuonati, che comunque non aggiungono nulla a quanto già sapevamo.

E bravi Stormwitch, è un piacere rivedervi ancora così in forma!

7,5/10
Andrea

Line Up
Andy Aldrian – vocals
Volker Schmietow – guitar
Tobi Kipp – guitar
Jurgen Wannenwetsch – bass
Marc Oppold – drums

giovedì 12 luglio 2018

VAN CANTO - Release official video for second single "Melody"


With the second single "Melody", from their seventh studio album Trust in Rust, VAN CANTO presents itself in their signature style: Choral arrangements, many dynamic changes, power and positivity, strong voices and of course plenty of melodies.
In every part of the song the main melodies shine and it’s no coincidence that the star of this single isn’t one of the seven band members, but the "Melody".

The band sums it up:
"Melody wraps up what VAN CANTO means to the band members: Lots of voices, dynamic changes and drums, a positive message and – a lot of melodies that hopefully will be joined by our fans when we play live."

Line-up:
Hagen Hirschmann: Lead Vocals
Inga Scharf: Lead Vocals
Ross Thomspon: Higher Rakkatakka Vocals
Stefan Schmidt: Lower Rakkatakka Vocals
Jan Moritz: Pad and Bass Vocals
Ingo Sterzinger: Bass and Backing Vocals
Bastian Emig: Drums and Backing Vocals

24/7 DIVA HEAVEN ANNOUNCE DEBUT EP RELEASE!


24/7 DIVA HEAVEN is a brand new band from Berlin, Germany, formed by members Kat, Mary and Karo. Influenced by the sounds of the 90s Hard Rock Scene, this band is made up of 3 talented members who all come from the Stoner Rock and Metal scene. However these ladies decided to try something different with 24/7 DIVA HEAVEN.

Inspired by bands such as L7, Bikini Kill, The Melvins, Nirvana, Dinosaur Jr or Sonic Youth, 24/7 DIVA HEAVEN play a pure blend of Hard Rock, Grunge and Punk Rock which is all bounded by the legendary Riot Grrrl sound. 24/7 DIVA HEAVEN have just finished recording their debut EP SUPERSLIDE and it's set to be self-released on September 6th 2018!

With a delicate and true LO-FI sound that allows 24/7 DIVA HEAVEN to create an almost classic 90s Hard Rock sound but with a modern sounding edge. The EP was recorded at Wasted Life Studios in Darmstadt / GER (Recorded, mixed & mastered by René Hofmann). Says vocalist and guitarist Kat:
"We are super psyched to finally announce the upcoming release of our debut EP "SUPERSLIDE"! This 5-track collection should give an impression of what 24/7 DIVA HEAVENS music is about: roughness, intuition & spontaneity. Influenced by alternative rock from the 90's, we wanted to combine various styles we love to create a modern version of a sound that contains all the ingredients that (we think) made the 90's to one of the most important decades for rock music: Heavyness & a touch of pop-appeal at the same time! Consequently, this EP was recorded live, one-take and analog on tape machine. SUPERSLIDE is for all people who like it loud. Enjoy! ;)"

I'LL BE DAMNED UNVEIL ALBUM DETAILS!


Rebel rockers I’LL BE DAMNED are back and set to release their second full length album titled 'Road To Disorder' on August 31st 2018 with Drakkar Entertainment! Denmark’s hottest Rock sensation since Volbeat has just unveiled first and exciting album details and release a first single to the track 'The Entire Universe'


We’re all damned. Most of us just don’t know it yet. The world is dancing a grim fandango right on the edge of the abyss, one foot dangling over the edge. Dark issues, clad in explosive tunes: The direction of 'Road To Disorder' is similar to that taken on last years’ self-titled debut sensation. Yet, nobody in this band is burying his head in the sand – even though the one or the other track off the new record are decidedly more doomy and gloomy. But still 'Road To Disorder' is a huge rollercoaster and bears every sign of a triumphant second album: Balls, power, anthems and a swagger with a vengeance! Metal, Punk, Stoner, Rock’n’Roll or Blues have been mangled and reassembled into something big and uncannily anthemic.

mercoledì 11 luglio 2018

ÁRSTÍÐIR - Nivalis

"NIVALIS"

Release date: June 22nd, 2018

Label: Season Of Mist

Country: Iceland

GenreIcelandic Independent

Tracklist:
1. While This Way
2. Lover
3. Please Help Me
4. Entangled
5. Like Snow
6. Thar Sem Enginn Fer
7. Circus
8. Oroi
9. Mute
10. Conviction
11. In The Wake Of You
12. Wasting Time
13. Passion


ÁRSTÍÐIR è un nome che, per quanto difficilmente pronunciabile, secondo me, incontreremo sempre più spesso anche da queste parti, un nome che rievoca le stagioni, gli scenari candidi e mozzafiato delle terre del Nord, i paesaggi artici da sogno, un nome che si identifica con una band di musicisti dal grande talento, capaci di comporre pezzi di una finezza ovattata e sublime. Dalla terra del folletto Bjork e dei Sigur Ros, dai quali hanno preso sicuramente ispirazione, con un occhiolino alle eteree sonorità dei Radiohead e alla preziosa vocalità di Simon e Garfunkel, la line-up islandese vede Daniel Auðunsson alla chitarra e alla voce, Gunnar Már Jakobsson al basso e alla voce, Ragnar Ólafsson alle tastiere e alla voce e una serie di almeno altri 10 componenti che compaiono come special guests in ciascuna traccia, ognuno con il proprio contributo di violoncello, viola, percussioni, flauti, ma soprattutto, come avrete potuto notare, di voci, perché in questa band cantano proprio tutti. E sono tutti bravissimi da far venire la pelle d'oca. Il loro agente, cinque anni fa tentò il colpaccio facendoli esibire a cappella in una stazione ferroviaria e il video di quella performance, semplice eppure d'impatto, ha raccolto milioni di visualizzazioni per l'incredibile atmosfera creata da quelle voci che intonavano l'inno nazionale islandese. Vi consiglio di farci un salto su YouTube, ne vale la pena.
Ma ora dedichiamo la dovuta attenzione a Nivalis, il quarto album della band, che ha scelto come titolo una parola derivante dal latino e che, come avrete intuito, ha a che fare con la neve, elemento dal valore simbolico molto forte. Fiocchi di neve volteggiano soffici e leggeri come piume, posandosi tutt'intorno per creare un'atmosfera onirica e incantata.
"While This Way" è il primo singolo, e anche il primo dei 13 pezzi dell'album, fruibile anche su YouTube, e sin dalle prime note ammalia e riesce a trasportare la mente in un altrove magico e sicuro, lontano dalle sofferenze del mondo e dalle preoccupazioni quotidiane. Evoca un po' anche i canti tribali degli indiani d'America, anche se in chiave di arrangiamenti più pop oriented, o , per lo meno, ne sa cogliere la spiritualità.
Totalmente diverso il mood di Lover, molto più easy listening, più vicino alle sonorità e alla ritmica dei pezzi che vanno bene alla radio, sebbene in certi momenti del ritornello, a me che sono “stagionata” riporti alla mente perfino i Bee Gees e il gusto un po' settantiano dei loro pezzi cult.
"Please Help Me" ha il sapore di una love ballad con un refrain molto accattivante; Entangled è un altro gradevole incontro di voci che, personalmente, mi ricorda i cori dei finnici Von Hertzen Brothers; la quinta traccia, "Like Snow", è la traduzione inglese del titolo dell'album e, seppure forse un po' meno forte delle precedenti tracce, deriva la sua bellezza dagli arrangiamenti e dalle voci, che lentamente, proprio come fiocchi di neve, si posano nel nostro immaginario, come in una sfera di quelle che nevica se le capovolgi...
"Thar Sem Enginn Fer" è un pezzo nella lingua madre, che mi ricorda un po' il suono del gaelico. Qualunque cosa possa significare, rimane indubbiamente una track di una finezza notevole, un canto di libertà, un inno al viaggio, alla scoperta, ma anche alla ricerca di se stessi, una quest antica e immutata nel tempo.
Circus porta la poesia e la dimensione onirica a livelli, se possibile, ancora più elevati, anche grazie alla sublime tristezza della sezione d'archi, che si sposa perfettamente con i cori, rendendo questa traccia una delle più interessanti e apprezzabili dell'album.
Segue "Oroi", interamente strumentale e poi "Mute", che riporta di nuovo a un sound più “comune”, che poi ritroviamo, con le dovute differenze nelle tracce successive fino ad arrivare a quella di chiusura, Passion, che, se è vera quella legge non scritta per la quale l'ultima traccia di un album, in qualche modo preannuncia la direzione che prenderà il prossimo, allora possiamo stare tranquilli perché tra arpeggi di chitarre e appassionati voli di archi, le premesse sono decisamente delle migliori.
Forse l'unica pecca di Nivalis sta nell'aver scelto di inserire ben 13 tracce che, a tratti, rischiano di far percepire un lavoro come questo un po' ridondante, anche per via dell'innegabile similitudine fra gli arrangiamenti di base. Personalmente ne avrei inserite poco più della metà, tuttavia è un tale piacere perdersi in questo tipo di sound e di vocalità che, alla fine, considerata la maestria dei musicisti coinvolti, è un dettaglio su cui si può soprassedere.

8/10
Margherita Realmonte (Meg)

Line-up
Daniel Auðunsson: guitar, vocals
Gunnar Már Jakobsson: baritone guitar, vocals
Ragnar Ólafsson: keyboards, vocals

SMOKE THE SKY PREMIERE BRAND NEW LYRIC VIDEO! New Album 'The Human Maze' Coming Out July 13th!

[Artwork by Cengiz Grauberger]

Heavy Metal meets epic rock riffs with a massive dose of the groove and a hint of some Nola-inspired sound: Welcome to up and coming SMOKE THE SKY! Formed in 2010, this four-piece from Munich, Germany, delivers an energetic Rock sound that relentlessly pounds their listener with catchy riffs and memorable choruses. After the band's critically acclaimed debut album 'Leave This World Loud', self-released in 2012 and followed by numerous shows with bands such as HELLYEAH ( R.I.P. Vinnie Paul Abbott ), CROWBAR or Dave Lombardo's PHILM , SMOKE THE SKY have now unleashed a brand new lyric video for the track 'It's Human'.


SMOKE THE SKY's upcoming and second full length album 'The Human Maze', mixed and mastered by Konst Fischer at the Frankin Studios, is set to be released on July 13th 2018. With their new album, SMOKE THE SKY continue to prove how the South of Germany can heavily rock and will surely satisfy all fans of bands alike PRONG, DOWN, ALICE IN CHAINS, PANTERA, CORROSION OF CONFORMITY and beyond!
To give a few more appetizer on the band's sound and new album, SMOKE THE SKY have just recently released the following video clips:

BEYOND THE BLACK – Release Second Single From Upcoming Album Heart Of The Hurricane!

Photo Credit: Heilemania

Recently German symphonic metal band BEYOND THE BLACK released their first single and title track of their upcoming album Heart Of The Hurricane. Today the band unleashes the second single from the album entitled "My God Is Dead“.

The band comments on "My God Is Dead“:
"My God Is Dead“ is powerballad and massive battering ram at the same time. The song has an incredible energy which combines the best out of both BtB-worlds and shows the wide range of Heart Of The Hurricane!”

Don’t miss out on "My God Is Dead“ right HERE!

"My God Is Dead“ will be unlocked as instant grat track today as well. You will receive an instant download of the single when pre-ordering the album!

BEYOND THE BLACK is pure symphonic metal full of energy, straightforward and without any compromises! Their engines are hot, and roaring straight into the Heart Of The Hurricane. The title of the third album is not just a catchy phrase, it’s a promise. It’s the result of two years of hard work skyrocketing the band to the next level. Heart Of The Hurricane will be released on August 31 via Napalm Records (GSA via Airforce1).

BEYOND THE BLACK online:

DEE SNIDER - Releases Official Music Video For “Become The Storm”!

[photo by Tim Tronckoe]

Hard rock legend DEE SNIDER just released the official music video for the new track “Become The Storm” off his upcoming album For The Love Of Metal.

DEE SNIDER about “Become The Storm”:
"It can be a dark world out there for people being bullied, and I know it. With “Become the Storm” I'm hoping to lift them up and help them find the power within to defeat their adversaries. Sound serious? It is."

Watch “Become The Storm” filmed by Douglas Quill HERE!

For The Love Of Metal was produced by Hatebreed vocalist Jamey Jasta and features contributions from Howard Jones (ex-Killswitch Engage), Mark Morton (Lamb Of God), Alissa White-Gluz (Arch Enemy), Joel Grind and Nick Bellmore (Toxic Holocaust) and Charlie Bellmore (Kingdom Of Sorrow). The album will be released on July 27th via Napalm Records.


martedì 10 luglio 2018

OUR MIRAGE - firmano per Arising Empire, iniziano i pre-ordini & pubblicano il video


La caldissima band emergente post-hardcore tedesca OUR MIRAGE è entrata a far parte della famiglia Arising Empire.
Gli OUR MIRAGE hanno dato inizio ai pre-ordini dell'album di debutto "Lifeline", che uscirà il 24 Agosto e per festeggiare questa grande novità hanno anche lanciato il video del nuovissimo singolo 'The Unknown'!


Acquista il brano qui: https://0urMirage.lnk.to/TheUnknown
Pre-ordina "Lifeline" qui: https://0urMirage.lnk.to/Lifeline

SISTERS OF SUFFOCATION – Sign With Napalm Records!

Photo Credit: Emmelie Herwegh

We’re happy to welcome the massive lady force SISTERS OF SUFFOCATION to the Napalm Records family!

Napalm Records A&R Sebastian Muench comments:
We are super excited to announce the signing of Holland´s, and arguably Europe´s, best up and coming Death Metal band SISTERS OF SUFFOCATION! The 2017 debut album Anthology of Curiosities was a hate spitting death metal masterpiece.“

The band on the signing:
''We are very proud and excited to announce that we have signed with the mighty Napalm Records. We are very happy to be working with them and are looking forward to releasing an album with them soon!''

At the moment the band is working on new material for release. Be on the lookout for their new album at the beginning of 2019!

Line-up:
Els Prins - Vocals
Simone van Straten - Guitars
Emmelie Herwegh - Guitars
Puck Wildschut - Bass
Kevin van den Heiligenberg - Drums



STONED JESUS – Release New Music Video For “Hands Resist Him”!


On September 7th STONED JESUS will administer their next dose of progressive stoner rock on Napalm Records: Pilgrims. Today the band released a brand new music video for the track “Hands Resist Him".

STONED JESUS about “Hands Resist Him”:
"One of the heaviest songs from Pilgrims, "Hands Resist Him" perfectly shows all the sides of our new album - it is dark, haunting and very personal!"


Watch “Hands Resist Him” right HERE!

With their fourth album the Ukrainian trio offers much more than an average desert session: Pilgrims is a multi-faceted affair, mixing groove with noise rock elements, lots of proggy infusions and maybe even a sick bass line reminiscent of Deftones (“Thessalia“). Giants such as Mastodon and Melvins come to mind since STONED JESUS can’t be pigeonholed.

The full track listing of Pilgrims reads as follows:
Excited
Thessalia
Distant Light
Feel
Hands Resist Him
Water Me
Apathy

lunedì 9 luglio 2018

AMANDA SOMERVILLE’S TRILLIUM - Tectonic

"Tectonic"

Release Date: 8 June 2018


Country: Netherlands

Genre: Rock progressivo 

Tracklist:
1. Time To Shine
2. Stand Up
3. Full Speed Ahead
4. Hit Me
5. Fighting Fate
6. Nocturna
7. Fatal Mistake
8. Shards
9. Clichè Freak Show
10. Eternal Spring

Tra un collaborazione e l’altra (ricordiamo il quartetto femminile delle Exit Eden, che ha realizzato un album da nemmeno un anno) l’affascinante Amanda Somerville trova il tempo di ridar vita al progetto Trillium, monicker sotto cui era uscito “Alloy” nel 2011. In pratica si tratta di un progetto solista della cantante, visto che rispetto all’esordio la formazione è completamente cambiata: ad affiancare la Somerville vi è ora il marito Sander Gommans (chitarra e basso) e due musicisti olandesi come Andre Borgman e Erik Van Ittersum (rispettivamente batteria e tastiere). 
Tectonic è un buon lavoro di heavy metal sinfonico con sfumature gotiche, distante da quanto ascoltato nei lavori con Michael Kiske e Avantasia e molto più vicino a bands come Nightwish e, a tratti, Lacuna Coil. Un heavy metal dalle sonorità moderne quindi, sorretto da potenti riffs di chitarra ma che non perde mai di vista melodie catchy e linee vocali cantabili. Protagonista assoluta è ovviamente la bella voce della Somerville, che sa essere angelica ma anche decisa e potente, ben valorizzata da una produzione stellare. 

Alcuni episodi appaiono fin troppo ruffiani e personalmente avrei preferito un po’ di “sregolatezza” in più, ma la qualità di songs come “Hit Me”, “Full Speed Ahead” e soprattutto la ballata “Eternal Spring” (un autentico gioiellino) è innegabile e confermano Amanda Somerville come una delle migliori voci femminili del momento.

7/10
Andrea

Line-up:
Amanda Somerville – vocals
Sander Gommans – guitar, bass
Erik Van Ittersum – keyboards
Andre Borgman – drums

COLD SNAP - 'All Our Sins' nei negozi + il nuovo video di 'Witness Of Your Sickness'


Dopo aver vinto con grande margine il concorso dell’etichetta convincendo l’intera giuria, i nuovi groove metallers COLD SNAP dalla Croazia hanno firmato un contratto con Arising Empire lo scorso anno. Oggi la band, che ha anche vinto il premio “Zlatna Koogla” come “the best young act” nel suo paese d’origine, ha pubblicato il nuovo quarto album "All Our Sins"! Per celebrare questo evento i COLD SNAP hanno pubblicato il nuovo video di 'Witness Of Your Sickness' che vede la partecipazione di Eddie Berg (Imminence) al violino.

Acquista subito il disco: http://geni.us/ColdSnapAllOurSins



COLD SNAP sono:
Jan Kerekeš – Voce
Dario Sambol – Batteria
Zoran Ernoić – Basso
Dario Berg – Voce / Samples
Dorian Pavlović – Chitarra
Zdravko Lovrić – Chitarra

EPICA – parlano dei testi dell’EP di cover “EPICA VS. Attack On Titan”


Tra due settimane i sovrani del metal sinfonico olandesi EPICA pubblicheranno l’EP di cover basato sul celebre manga e anime "Attack On Titan" (L’Attacco dei Giganti). “Attack On Titan” ha conquistato il mondo dei fumetti e degli anime. L’EP, intitolato “EPICA vs. Attack On Titan”, verrà pubblicato in tutto il mondo (Giappone escluso) il 20 luglio su Nuclear Blast Records.

Oggi la band pubblica il terzo trailer in cui il chitarrista Isaac Delahaye e il tastierista Coen Janssen parlano dei testi scritti per le canzoni.




giovedì 5 luglio 2018

LORDS OF BLACK - Icons Of The New Day

"Icons Of The New Day"

Release Date: on 11 May 2018


Country: Spain

Genre: Power Metal

Tracklist:
1. World Gone Mad
2. Icons Of The New Days
3. Not In A Place Like This
4. When A Hero Takes A Fall
5. Forevermore
6. The Way I’ll Remember
7. Fallin’
8. King’s Reborn
9. Long Way To Go
10. The Edge Of Darkness
11. Wait No Prayers For The Dying
12. All I Have Left
13. Forevermore (acoustic version)
Bonus cd:
1. Innuendo
2. Only
3. Tears Of The Dragon
4. Edge Of The Blade
5. The Maker And The Storm
6. When Nothing Was Wrong

Forse non tutti conoscono i Lords Of Black, ma sono sicuro che il nome di Ronnie Romero suonerà familiare a parecchia gente. Considerato da molti come il migliore rock singer spagnolo, abbiamo potuto apprezzare il suo talento in vari progetti: nei CoreLeoni di Leo Leoni (che recentemente si sono esibiti anche in Italia, al Frontiers Festival), nei Ferrymen con Magnus Karlsson e Mike Terrana e soprattutto nei riformati Rainbow, protagonisti nel 2016 di alcuni osannati concerti in Germania e Inghilterra.
Il leader dei Lords Of Black è però Tony Hernando, talentuoso polistrumentista e fondatore della band (nata dalle ceneri dei Saratoga), insieme al batterista Andy C. 
Icons Of The New Day è un bel passo in avanti per una band che già nell'omonimo esordio del 2014 e nel successivo “II” aveva dimostrato di avere buone frecce al proprio arco. Un heavy metal che riprende la lezione dei Rainbow e la ripropone in chiave moderna, grazie anche all’ottima produzione dell’ex Helloween Roland Grapow. Nelle parti più heavy (“Wait No Prayers For The Dying”) si sente qualche similitudine con i Masterplan, ma gli spagnoli hanno personalità e songs come “World Gone Mad”, “When A Hero Takes A Fall” e la suite di 11 minuti “All I Have Left” sono di valore assoluto.
Inutile dilungarsi sulle doti di Romero (definito da Blackmore “un incrocio tra Ronnie James Dio e Freddie Mercury”), bisogna invece sottolineare la bravura di una band strumentalmente preparatissima, e la raggiunta maturità del songwriting. 

Ottimo lavoro, da recuperare nella versione deluxe, con 2 inediti e 4 cover (tra cui una notevole “Tears Of The Dragon” di Bruce Dickinson).

7,5/10
Andrea

Line-up:
Ronnie Romero – vocals
Tony Hernando – guitar, keyboards
Dani Criado – bass
Andy C. – drums, keyboards

martedì 3 luglio 2018

DYING AWKWARD ANGEL - Absence of Light

"Absence of Light"

Release Dateon 25 May 2018 

LabelExtreme Metal Music

Country: Italy

Genre: death metal

Track List:
Blood of your blood
Death coach
Isaiah 
Shade
Dolls
Sancta sanctorum
Absence of light
Maldita seas
The dust devil
T.U.S.K.
The killing floor

Il sogno di Edoardo Demuro e Ivan Longo un giorno è divenuto realtà ed ha preso il nome DYING AWKWARD ANGEL.

Dal 1998 ad oggi ne è passata di acqua sotto i ponti, non solo in termini cronologici, ma anche di stile e soprattutto di formazione.
Oggi i cinque ragazzi provenienti da Torino, con il nuovo cantante Michele Spallieri e Davide Onida al basso, ci consegnano undici brani con lo stesso piglio vizioso ed il fascino estremo degli esordi. 
Absence of Light rappresenta la forma e la sostanza del death metal negli anni '90. Al tempo stesso classico e contaminato, in grado di incendiare le radio alternative di mezzo mondo pur spazzando via ogni briciola di melodia. 
Un disco fiero e virulento che striscia fuori dal mare magnum di una scena estrema innocua e addomesticata, emergendo con la malignità degli Slayer, il groove dei Sepultura e la classe degli At The Gates.
Sebbene non manchino i riff capaci di dilaniare le viscere, sono i momenti più orecchiabili ad attanagliare le nostre membra, mentre una strisciante psicosi non trova sollievo nel lento indugiare della voce, accattivante e paziente come un demone tentatore.

La destrezza percussiva e la finezza degli arrangiamenti donano ad Absence of Light un'energia che saprà ravvivare la rassegnata indolenza dei pomeriggi estivi.

7/10
Michela (Anesthesia)

Line Up:
Edoardo Demuro (guitars)
Luca Pellegrino (drums)
Lorenzo Asselli (guitars)
Davide Onida (bass guitar)
Michele Spallieri (voice)