giovedì 28 giugno 2018

REFUGE - Solitary Men

"Solitary Men"

Release date: 8 June 2018

Label: Frontiers Records

Genre: Rock

Tracklist:
1. Summer’s Winter
2. The Man In The Ivory Tower
3. Bleeding From Inside
4. From The Ashes
5. Living On The Edge Of Time
6. We Owe A Life To Death
7. Mind Over Matter
8. Let Me Go
9. Hell Freeze Over
10. Waterfall
11. Another Kind Of Madness


Dopo una serie di concerti di notevole successo (alcuni con il nome fittizio di Tres Hombres) Peavy Wagner e soci ci hanno preso gusto e quella che doveva essere una reunion estemporanea ha preso le forme di una band a tutti gli effetti.
Peavy Wagner, Manni Schmidt  e Chris Efthimiadis sono la formazione storica dei Rage, quella che tra il 1988 e il 1993 ha pubblicato lavori superlativi come “Secrets In A Weird World”, “Trapped” e il capolavoro “The Missing Link”. Dopo l’abbandono di Schmidt seguiranno altri grandi album (“End Of All Days” e “XIII” su tutti), poi il periodo “ultra-tecnico” con Mike Terrana e Victor Smolsky e gli esperimenti sinfonici e orchestrali. Ma i “tres hombres” sono rimasti nel cuore di tanta gente, e ancora oggi non sono pochi quelli che considerano il trio Wagner-Schmidt-Efthimiadis come i “veri” Rage.
Solitary Men riparte da dove la storia si era interrotta, se i brani siano totalmente nuovi o semplicemente outtakes del periodo storico non è dato saperlo, quel che è certo è che i Rage (oops, i Refuge) ci hanno regalato un ottimo lavoro di puro heavy metal, che sarà pure old school ma che suona ancora attualissimo. “Summer’s Winter” (che già dal titolo rimanda al vecchio classico “Don’t Fear The Winter”), “Man In The Ivory Tower” o “Mind Over Matter” sono tutti brani solidissimi, mentre la melodica e suggestiva “Waterfall” stupisce, ma fino ad un certo punto (ricordate certe concessioni melodiche di “Reflections Of A Shadow”?).

Dire che Solitary Men è in grado di giocarsela con “The Missing Link” è un’esagerazione, ma sicuramente si tratta di un lavoro che merita di essere ascoltato, e non solo dai nostalgici dei Rage che furono.

7,5/10
Andrea

Line-up:
Peavy Wagner – vocals, bass
Manni Schmidt – guitar
Christos Efthimiadis – drums

facebook

DIABLO BLVD - si sciolgono + annunciano l'ultimo show!


Con alle spalle 4 studio album, tour da headliner, slot a supporto di giganti del metal quali MACHINE HEAD, EPICA, e LIFE OF AGONY oltre a diverse apparizioni nei più grandi festival europei, la carriera della band dark rock DIABLO BLVD ha regalato eventi indimenticabili e li ha portati a viaggiare avanti e indietro per il continente. Ma ora siamo molto tristi di dover annunciare lo scioglimento del gruppo.

La band afferma:
"A tutti voi che state leggendo questo messaggio, iniziamo con l'annunciare il nostro primo show da headliner al leggendario Ancienne Belgique - AB il 10 Dicembre 2018. Non avevamo mai suonato all'AB prima d'ora siamo quindi incredibilmente felici di salire sul palco di una delle più belle venue del Belgio. Non ci sono dubbi, questa sarà una serata indimenticabile anche perchè sarà il nostro ultimo show. Sì, state leggendo bene: i DB si scioglieranno. Immaginiamo questa sia una grossa sorpresa per molti di voi. Anche per noi sembra surreale chiudere un capitolo così importante delle nostre vite. Negli ultimi 13 anni abbiamo visto molte cose andare e venire ma abbiamo sempre continuato per la nostra strada. Non c'è negatività, solo amore. Vi ringraziamo per il vostro eterno supporto e per averci regalato momenti preziosi della nostra vita. Vi invitiamo all'Ancienne Belgique il 10 Dicembre per l'ultimo atto. I ticket saranno in vendita da domani (Venerdì 29 Giugno alle 11) su www.abconcerts.be. Per quanto riguarda i concerti estivi: non vediamo l'ora di continuare il nostro giro dei vari festival e di goderci ogni singolo istante. Vi aspettiamo tutti. 
Con affetto,
Alex, Andries, Kris, Tim & Jan"

BETONTOD - il nuovo album "VAMOS!" esce il 31 Agosto


E' il ventottesimo anno di storia per i BETONTOD. La storia di cinque ragazzi tedeschi, che hanno deciso di conquistare il paese e i suoi cuori con il punk rock. Questa incondizionata forza di volontà, che li ha catapultati al terzo posto nelle classifiche tedesche con l'album "Revolution", è stata costruita sull'ispirazione e sull'impulso.
E' arrivato il momento di dare un nuovo colpo a suon di punk rock! Con "VAMOS!", i BETONTOD pubblicheranno il loro nono album il 31 Agosto.


Il sogno di cinque studenti, che sono sempre stati considerati degli sciattoni per tutta la loro vita, è ora diventato realtà. Hanno formato una leale comunità sempre pronta a fare il passo successivo. Dopo il primo ingresso nella Top 10 della classifica tedesca degli album con il disco "Traum von Freiheit", i BETONTOD hanno iniziato un nuovo capitolo nella storia della band, convinti di dove il loro percorso li porterà, con il mix perfetto di punk rock e metal che esiste solo sotto forma della musica dei BETONTOD.

mercoledì 27 giugno 2018

Season of Mist sign VOYAGER


Season of Mist are proud to announce the signing of VOYAGER. The Australian progressive metallers will release their upcoming full length via Season of Mist in 2019 and re-release their entire back catalogue.


VOYAGER comments: "We are very excited to be joining forces with Season of Mist! Not only will we be working together to produce and release new music in 2019, but also to reissue our entire back catalogue for the first time. Season of Mist have a long history of strongly supporting unique acts, and working with them to nurture their creativity and help them reach a wider audience. Danny, Ash, Simone, Scott and Alex believe they couldn't be a better fit for VOYAGER and are stoked for what the future brings for the band and label."

"Australian pop sensibility with modern progressive heaviness - this is the cult force that is VOYAGER.

With 6 full-length albums under their belt and shows throughout North America, Europe and Asia with the likes of DEFTONES, OPETH, DEVIN TOWNSEND, CHILDREN OF BODOM, SOILWORK, NIGHTWISH, EPICA and ORPHANED LAND, the five-piece from Perth is now firmly entrenched in its international repute as "the band who doesn't sound like anyone else".

VOYAGER’S sensationally anthemic songs offer huge soundscapes, pop and prog sensibilities with catchy and thought-inducing instrumentals. With concerts described as "amazing chemistry blending pop with heavy, technical and progressive riffs", VOYAGER are consistently a live force to be reckoned with.

Line-up
Danny Estrin - Vocals/Keytar
Simone Dow - Guitars
Scott Kay - Guitars
Alex Canion - Bass
Ashley Doodkorte - Drums

martedì 26 giugno 2018

Ghost – Prequelle

"Prequelle"

Release Date: 01 June 2018

LabelLoma Vista Recordings/Spinefarm

Country: Sweden

Genre: Heavy Metal/Occult Rock




Track list:
01. Ashes
02. Rats
03. Faith
04. See The Light
05. Miasma
06. Dance Macabre
07. Pro Memoria
08. Witch Image
09. Helvetesfonster
10. Life Eternal



Tobias Forge è tornato e non vi era alcun dubbio sul fatto che il nuovo disco dei Ghost avrebbe spalancato finalmente le porte del Paradiso (musicale) arrivando a colpire chi, fino ad oggi, aveva snobbato la loro arte credendola artificiosa o per palati fini.

Fin dalle prime tracce, Prequelle dimostra la propria appartenenza alla musica degli anni ’80, attraversando tutte le tendenze commerciali senza distinzione di genere o di forma, dal synth pop inglese al progressive rock italiano di fine anni settanta.

La nuova maschera indossata da Forge nega ogni coinvolgimento emotivo, ma abbandona anche quell'aura malefica che i primi album ci avevano regalato e che, in questa occasione, viene demolita senza alcun scrupolo.

Il songwriting è sempre d’alta scuola e la produzione di Tom Dalgety precisa al millimetro. La ruffianeria di "Witch Image" e "Dance Macabre" riesce a trasmettere ancora un'inquietudine sotterranea, mostrando l’ottimo approccio strumentale della nuova band di Cardinal Copia, che però niente ha da spartire con i primi discepoli.

Notevoli i tocchi bohémien di "See The Light" e "Life Eternal", dove la presenza più marcate delle tastiere risulterà fondamentale nell'evoluzione del disco, prima accrescendone la cupa teatralità, per poi abbandonarsi ad un requiem senza fine.

Prequelle è un ottimo disco, senza trucchi né inganni, ma trasmette la forte sensazione di rappresentare un senso di tranquillità che piega ogni entusiasmo. La cover di “It’s A Sin” (Pet Shop Boys) rialza l’asticella dell'edizione limitata, ma in generale sembra di trovarsi al cospetto dell'ennesimo album che ha snaturato l'identità del gruppo in nome di una popolarità destinata a ingigantirsi.


6.5/10
Michela (Anesthesia)

lunedì 25 giugno 2018

MOONSPELL – Release “Alma Mater” Live Video!

(photo by Paulo Mendes)

It was a very special evening when MOONSPELL played an exceptional show at the Campo Pequeno arena in their hometown Lissabon on February 4th, 2017. That inimitable bond between the gothic metal act and 4.000 of their fans in the sold-out venue is pure electricity, captured for all eternity on the massive Live DVD/Blue Ray/3CD package Lisboa Under The Spell which will be released on August 17th via Napalm Records. Today the band release a brand new live clip of their song “Alma Mater”.

The band on the new live clip:
MOONSPELL’s „Alma Mater“ holds for us the true meaning of this Latin expression. It talks about something bigger which unite us, and it’s not God, Politics or football but an eternal sense of belonging and returning. That’s why „Alma Mater“ is the biggest MOONSPELL song. Enjoy it in its home country, our „Alma Mater“ Portugal!!!“

It was definitely about time, since MOONSPELL aficionados have been thirsting for a new live release ever since Lusitanian Metal (2008)! Thus, Lisboa Under The Spell is not simply a visual testimony to the success of Portugal`s biggest metal band – it is a celebration of the unbound creativity and pure magic that is MOONSPELL


Watch the “Alma Mater” live video right HERE!


venerdì 22 giugno 2018

ÁRSTÍÐIR - Interview and brand new video!

Photo cr. @Juliette-Rowland

Today marks the release date for ÁRSTÍÐIR's brand new album 'Nivalis', and the enigmatic Icelanders are celebrating this with the release of a spectacular new video for the track 'While this Way'. 



Band gave us also this beautiful interview... Enjoy!

Interview by Michela (Anesthesia)
Photo cr. @Juliette-Rowland

LFdM: Hi guys, thank you so much for this great opportunity.
Let’s start out by introducing your band to those readers who have never heard of you before. What is the story of ÁRSTÍÐIR?
We're celibrating our tenth anniversary this summer. Our band was formed in 2008 and we performed our first show the same month as the banks crashed over here. Two years later we we're embarking on our first international tour, and we nearly did not make it because of the Eyjafjallajökull eruption. But part from financial calamities and natural disasters, our career has been a fatastic journey that has taken us all over Europe, North America and to the depths of Siberia, and now we're about to release our 5th studio album Nivalis on June 22nd.

LFdM: I read this quote about you: “mixing many influences taken from different styles into something quite unique, which might tentatively be dubbed Icelandic independent”. Is this how you would try to describe your sound?
We just write the music and then we leave it to others to put a label on it. Through the years we've been called all sorts of things: folk, indie, pop, world, minimalist, progressive, rock, chamber pop and sometimes just “Icelandic Independent” like you said. I actually think that comes closest to describing us.
The fact that our music mixes a lot of influences, and the fact that it is hard to put a label on it, is also the same thing that makes our fans drawn to our music.

LFdM: I think your music is very related to the creation of situations of extreme contrast: you suddenly change from a quiet part into a blasting black-like sequence and back into a softer part. What should we expect in terms of sound or feelings from the new album ?
It's true, we play a lot with dynamics. When we make albums it's a roller-coster ride of emotions for us, and the music is a reflection of that. Some songs can be very tender and and minimalistic, and others can be dramatic with epic finales. This constant turn of emotions comes natural to us when we're writing, and it keeps it interesting for us when we play. So expect a roller-coster ride when you listen to Nivalis.

LFdM: The artwork of the new album is really simple. What’s the meaning behind that? And how does it connect to the album?
Nivalis is a latin word that means “Like Snow”, and is often used in latin names of anmimals and plants that live in arctic environments, and thrive in cold and hard conditions.
Living in Iceland people tend to be very affected by the nature and weather conditions, and how these change with the seasons. Our name, Árstíðir, means “seasons” in Ielandic and in our mind birds represent the changing of the seasons. Some migrate and come back, others stay and change the colour of their feathers. Many of our albums have had pictures of birds or feathers in some way.

LFdM: Do you read reviews about your works? Does it have any further influence on your creative process?
Yes, of course we read them, but we try not to get influenced too much by them. We just try and stay true to our musical expression and play music that we believe in. When we play concerts and see the reactions of the people listening then THAT is what truly matters.

LFdM: What are your next tour plans?
This September will mark the beginning of an intense touring period. The final dates are being settled, and so we'll announce very soon. We hope to see you on the road!

LFdM: That would be great guys! Thank you so much for your time and let's hope to meet you live!





KONVENT – Sign With Napalm Records!


Slowly but insistently, resounding bass riffs and a brutal death vocal will pierce through your body, as KONVENT make you feel their love of heavy and simple oldschool doom. Last year KONVENT released a demo, which quickly became the beginning of a warm welcome into the Danish underground scene, and since then they have played all over Denmark with great reviews.

Now KONVENT signs with Napalm Records worldwide!

The band on the signing:
"We are extremely proud to be teaming up with Napalm Records on our coming releases, that we a currently working on. This collaboration will give us the help and support we need to take our music further and we can't wait to show you all of it next year, when we release our debutalbum through Napalm Records."

At the moment the band is focusing on making new material to release. Be on the lookout for a brand new studio album in 2019!

KONVENT are:
Heidi Withington Brink - Bass
Julie Simonsen - Drums
Rikke Emilie List - Vocals
Sara Helena Nørregaard - Guitar


RISE OF THE NORTHSTAR - svelano la copertina e la data di uscita del singolo 'Here Comes The Boom'


La più grande crossover band europea, RISE OF THE NORTHSTAR, ha pubblicato la copertina e annunciato la data di uscita del nuovo singolo 'Here Comes The Boom'.

Il singolo uscirà il 13 Luglio 2018 su Nuclear Blast.



La canzone è tratta dall’attesissimo secondo album, ancora senza titolo, la cui uscita è programmata su Nuclear Blast per quest’anno. L’album è stato registrato con Joe Duplantier dei Gojira nei suoi Silver Cord Studios di Brooklyn, NY.

THE GHOST AND THE MACHINE RELEASE BRAND NEW SINGLE 'CAROLINE'! New Album 'RED RAIN TIRES' Coming September 28th!

[photo by Karin Hackl]

Austrian-based post-blues trio THE GHOST AND THE MACHINE has unveiled first and hotly anticipated details about their upcoming album! 'RED RAIN TIRES' is the second record by THE GHOST AND THE MACHINE and will be released on September 28th with Noise Appeal Records.

To give a first appetizer, the band just premiered a first single for the track 'Caroline' with THE OBELISK, which can be now also streamed and downloaded here:

Amazon Album Preorder & Caroline: https://tinyurl.com/yckeqp6c
iTunes Album Preorder & Caroline: https://tinyurl.com/y7ylkeg4

A touching music video for 'Caroline' has been premiered earlier, dive into the unique and atmospheric sounds of THE GHOST AND THE MACHINE and watch the video right HERE!

"On RE RAIN TIRES we created floating structures within the songs to dive into,“ the band comments. „It's full of weird but yet precise sonic landscapes and still in constant touch with the rough spirit of long-forgotten prison songs. We're really looking forward to share this piece of intimate but untamed music with you - Love it, hate it, buy it, spread it - in either case enjoy it!"

The Eternal release new single & Lyric Video


The Eternal have released the first single from their upcoming album ‘Waiting for the Endless Dawn’. ‘In the Lilac Dust’, which features the enigmatic voice of Mikko Kotamäki from Finnish doom legends Swallow The Sun, is available on all major online services such as Spotify, iTunes & Apple Music through Finnish Label Inverse Records



The current incarnation of the band featuring Mark Kelson (Alternative 4, Insomnius Dei, Cryptal Darkness), Martin Powell (My Dying Bride, Cradle of Filth, Anathema), Marty O’Shea (Dreadnaught) & Dave Langlands alongside the addition of renowned Australian guitarist Richie Poate (Dreadnaught). The band have spent over 3 years writing and recording what can be best described as the bands darkest & heaviest album to date.

Waiting For The Endless Dawn proves to be a heavy hearted, dark statement in the bands diverse and long career, which will see the band endeavouring to tour extensively and performing the album in it’s entirety in 2018 and beyond.

giovedì 21 giugno 2018

KARDINAL SIN - Victorious

"Victorious"

Release Date: April 27, 2018

Genre: classic heavy metal

Country: Sweden

Tracklist:
1.Patria Fatherland
2. Walls Of Stone
3. Mastermind
4. Victorious
5. Bonaparte
6. S.I.N.
7. Revenge Of The Fallen
8. Secrets Of The Pantomime
9. Raven Quote
10. Attack
11. Bells Of Notre Dame Revisited
12. For The Heroes (bonus track)

Finalmente ristampato il debutto dei Kardinal Sin, pubblicato lo scorso autunno , come autoproduzione, nella sola Svezia e oggi disponibile in tutta Europa grazie alla Massacre Records.
I Kardinal Sin sono l’evoluzione dei Rough Diamond, band attiva dal 2005 con 4 EP e un full-lenght all'attivo. Il cambio di nome e l’ingresso in formazione di una seconda chitarra (Sophie Conte) non hanno comunque portato nessuna modifica al sound della band, un power metal melodico di scuola Edguy/Stratovarius, con qualche sprazzo sinfonico  qua e là.
Purtroppo i Kardinal Sin rimangono una band fortemente derivativa, priva di quella personalità che potrebbe farli emergere dalla massa. I 12 brani di Victorious si ascoltano con piacere, ci regalano qualche scossa ma non affondano mai il colpo, limitandosi ad un’onesta routine.
Un cantante dalla voce meno ordinaria avrebbe sicuramente giovato a tracce come l’helloweeniana title-track, la ballata “S.I.N.” o “Revenge Of The Fallen”, sorrette da buoni refrains. Interessante anche la pianistica “For The Heroes”, mentre brani scontati come “Raven Quote” o “Attack” sembrano davvero outtakes degli Stratovarius. Non brilla nemmeno la rivisitazione del tema del “Gobbo Di Notre Dame”, stucchevole e piuttosto noiosa.
Un album riservato ai fans più oltranzisti del power metal!

6/10
Andrea

line-up:
Danne Wikerman – vocals
Jocke Vahatalo – guitar
Sophie Conte – guitar
Hannu Viita – bass
Micke Asp – drums
Thomas Geson – keyboards



Swedish melodic death metal pioneers IMPERIAL DOMAIN return with a new album!


Swedish melodic death metal band IMPERIAL DOMAIN released a first single 'True Face of War' from their upcoming third album 'The Deluge'. The album is released August 10th 2018 by Finnish record label Inverse Records


Imperial Domain was formed in Uppsala, Sweden, back in 1994. 

In June 1997 they recorded their debut album entitled ”In The Ashes Of The Fallen” in Sunlight Studios. The second album entitled ”The Ordeal” was recorded in October-November 2000 in Prime Studios.

Both albums received great reviews around the world and the band continued to play until 2005. From that time the band members continued to play in other constellations until they decided to start up the band again in 2014.

The hunger for making music was there again and they all were eager to create something new, this Imperial machine had more to offer. But unfortunately, tragedy struck the same year as the singer Tobias von Heideman passed away. This didn't stop the band however, they were determined to complete material for a new album, which they did in 2016. These boys have something really special in their hands. It's melodic yet incredibly heavy and noncompromising as their new singer Andreas Öman proves to be a worthy replacement for Tobias.

The Deluge” the brand new offering from IMPERIAL DOMAIN contains 8 well executed tracks of immaculate production values recorded in HSH-studio. With mixing and mastering of the highest quality at E.A.P. by Ronnie Björnström and artwork by Pete Alander at BANDMILL, you can be assured of a piece of work with uncompromising quality.

An album this strong can't be ignored!

GRAVE DIGGER – Unveil Cover Artwork And Tracklist For The Living Dead!


German heavy metal legends GRAVE DIGGER recently announced the title and release date of their new studio album. Now the band reveals the cover artwork and track list of their upcoming record entitled The Living Dead which will be released on September 14th via Napalm Records.

mercoledì 20 giugno 2018

GOODBYE, KINGS pubblicano un EP dal vivo e un video



I post rockers GOODBYE, KINGS pubblicano il nuovo video estratto dal loro recentissimo live set “Musicolepsia Live”. L’intero lavoro è disponibile a questo indirizzo

“Musicolepsia Live” è stato registrato presso Musicolepsia di Melegnano (MI) nel Dicembre 2017, mixato e masterizzato dalla band stessa, ed è da intendersi come regalo per tutti coloro che hanno supportato la band durante questi primi cinque anni di attività.


www.argonautarecords.com

Il secondo album dei THE RED COIL

Se

I Southern Metallers italiani THE RED COIL rendono disponibile tramite Outlaws of the Sun lo streaming del loro attesissimo secondo album. “Himalayan Demons” può essere ascoltato a questo link


Formatisi nel 2008, I THE RED COIL sono oggi una band fautrice di un sound potentissimo che raccoglie le migliori influenze delle correnti Stoner, Sludge e Doom. 

THE RED COIL “Himalayan Demons” uscirà per Argonauta Records il 22 Giugno e sarà disponibile a questo indirizzo

TRACKLIST:

1.             Withdrawal Syndrome Wall
2.             Godforsaken
3.             Oriental Lodge
4.             Opium Smokers Room
5.             The Shroud
6.             Moksha
7.             The Eyes of Kathmandu
8.             When the Levee Breaks


martedì 19 giugno 2018

MONSTER MAGNET ALCATRAZ, MILANO, 15-05-2018 live report


MONSTER MAGNET
ALCATRAZ,  MILANO, 15-05-2018
a cura di Andrea


“Sicuramente non sarà un sold-out”, questo è quello che ho pensato quando ho saputo che i Monster Magnet avrebbero suonato all’Alcatraz di Milano, locale di notevole capienza… 
Wyndorf e soci non hanno mai attirato folle oceaniche, certo non mi sarei mai aspettato di trovare poche decine di spettatori, quasi tutti over 40, ad attendere l’inizio dello show. E pensare che, se si eccettua la data dello scorso giugno di spalla ai Five Finger Death Punch, i nostri mancano da Milano da almeno 10 anni…
Dato che i Pendejo! sono stati costretti a dare buca all’ultimo momento, ad aprire la serata sono i Table Scraps, trio proveniente da Birmingham. Sinceramente non mi hanno particolarmente entusiasmato, dandomi l’idea di una stoner band come tante, il cui unico elemento di distinzione è la scatenata batterista e cantante Poppy Twist. Certo non deve essere stato facile per loro suonare in un locale praticamente vuoto. Da risentire.
Per fortuna dopo i Table Scraps la gente inizia ad arrivare, e alle 21:00 siamo circa in 200-250 sotto al palco. Non tanti, ma per il rigenerato Dave Wyndorf sono più che sufficienti. Dopo essersi ripulito, il buon Dave sta davvero vivendo una seconda giovinezza: in ottima forma, sia fisicamente che vocalmente, e forte di un entusiasmo degno di un ragazzino, ben distante dal personaggio scontroso e apatico dei suoi giorni “tossici”. 
Il recentissimo “Mindfucker” è un lavoro diretto e carico di violento rock‘n’roll, e lo show ne segue la falsariga. Ad aprire la serata è il classico “Dopes To Infinity”, eseguita in una versione assai d’impatto, seguono tre estratti da “Mindfucker” e una ruvida “Radiation Day”, proveniente dall’ottimo “Monolithic Baby”. Dave Wyndorf naturalmente è il mattatore della serata, con il suo carisma e le sue movenze istrioniche calamita gli sguardi degli spettatori, ben supportato da una band in stato di grazia. Lo show raggiunge l’apice con il mega classico “Space Lord”, in cui il leader invita il pubblico ad urlare ripetutamente “motherfucker!!”.
Cinque minuti di pausa e la band torna sul palco per i consueti bis. “Spine Of God” è la parentesi psichedelica del concerto, un’improvvisazione di 15 minuti con Wyndorf che declama come farebbe Jim Morrison e i chitarristi impegnati a creare un’atmosfera onirica. Si torna al rock’n’roll più diretto con “Powertrip”, probabilmente il brano più famoso dei nostri, che chiude lo show in maniera trionfale.
Unico difetto del concerto è la sua scarsa durata, appena 75 minuti, diciamo che altri 2-3 pezzi non mi sarebero dispiaciuti… ma visto il passato turbolento e l’età non più giovanissima di Wyndorf (61 anni) non possiamo davvero lamentarci!

Setlist
1. Dopes To Infinity
2. Rocket Freak
3. Soul
4. Mindfucker
5. Radiation Day
6. Look To Your Orb For The Warning
7. When The Hammer Comes Down
8. Negasonic Teenage Warhead
9. Space Lord
Encores:
10. Spine Of God
11. Powertrip

lunedì 18 giugno 2018

PETROLIO - Intramoenia: Noises For Angela

"Intramoenia: Noises For Angela"

Release Date: on 30 January 2018


Genre: Jazz/noise/punk

Country: Italy

Tracklist:
1. Work n.1
2. Work n.2
3. Work n.3







Petrolio è un progetto di Enrico Cerrato, polistrumentista attivo in ambito sia industrial che metal, in bands quali Infection Code, Gabbiainferno e Moksa.
Intramoenia: Noises For Angela include tre brani composti per la sonorizzazione della performance gestuale di Angela Teodorowski, performer spezzina da diversi anni attiva nella scena teatrale.
Le tre composizioni, per un totale di 18 minuti di musica, miscelano industrial e ambient, e risentono di influenze che vanno dai Throbbing Gristle al krautrock, fino alla dark wave più oscura e ossessiva.
“Work n.1” è forse la traccia che più mi ha colpito: introdotta da un monologo sulla pazzia si sviluppa in un atmosfera apparentemente rilassata, ma in cui la tensione striscia sotto pelle. Altrettanto affascinante “Work n.2”, elettronica e synth a creare un’ambient oscura e tenebrosa. “Work n.3” è più ritmica e se possibile ancora più inquietante, soprattutto nel suo crescendo finale, concluso da note gelide.
E’ musica che fa viaggiare la mente, da ascoltare in cuffia, in solitudine e con la giusta predisposizione mentale. 
Un lavoro breve ma di grande qualità, se apprezzate il genere avvicinatevi senza paura a “Intramoenia”.

7,5/10
Andrea

Line-up:
Enrico Cerrato – guitar, synths, electronics


Approfittiamo di questo spazio per comunicarvi che ad ottobre verrà pubblicato il nuoco album di Petrolio. Sotto il comunicato stampa ufficiale dell'artista.
"L+Esistenze" è il nuovo disco di Petrolio in uscita ad ottobre, ma non solo, è anche un sogno coltivato a lungo. Alla realizzazione dell'album hanno infatti partecipato sei artisti che hanno divorato assieme a Petrolio suoni e rumori per dar vita a 12 brani caratterizzati ognuno dall'attitudine artistica dei musicisti partecipanti. Hanno preso parte a questa avventura: Jochen Arbeit (Einstürzende Neubauten, Automat, AADK, Soundscapes), Fabrizio Modonese Palumbo (( r ), Almagest!, Blind Cave Salamander, Coypu, Larsen, XXL), Aidan Baker (Nadja), Sigillum S, MaiMaiMai e N Ran (Hate & Merda). Il disco verrá pubblicato grazie alla collaborazione di diverse etichette, italiane ed estere. A breve nuove notizie al riguardo.

Orphan Skin Diseases: tutti i dettagli del debut album “Dreamy Reflections”



Logic Il Logic Records e Burning Minds Music Group sono lieti di annunciare che "Dreamy Reflections", official debut album della alternative rock/metal band Orphan Skin Diseases, è previsto per il rilascio il prossimo 13 Luglio 2018. Gli Orphan Skin Diseases nascono nel 2015 da un'idea del maestro batterista Massimiliano Becagli, già noto nei circoli heavy della nostra penisola per la sua militanza negli storici metaller No Remorse. La line-up degli Orphan Skin Diseases è stata successivamente completata dall'aggiunta di altri validi elementi provenienti dalla scena di casa nostra: Gabriele Di Caro (ex Sabotage, ex Outlaw - Voce), Juri Costantino (ex Creation - Basso) e David Bongianni (ex Virya, Little CB - Chitarra). Lo stile del gruppo è stato costruito unendo sapientemente le influenze di ogni singolo componente, con l'obiettivo di proporre un sound particolarmente personale e ricercato. Progressive rock, influenze heavy metal, sfumature funky ed elementi di stampo alternative sono perfettamente mixati e bilanciati per creare una potente ma allo stesso tempo catchy amalgama.