mercoledì 17 febbraio 2016

Among The Prey - Only For The Blinded Eyes review

"ONLY FOR THE BLINDED EYES" 


Release Date: 19.02.2016

Country: Finland 

Genre: melodic death metal

Track List:
1. Smile
2. Beyond Repair
3. Only For The Blinded Eyes
4. Burning Down In Hell
5. Pieces
6. Wake Up
7. In Your Face
8. Two Worlds Colliding
9. Dancing On Our Graves

Anche se di recentissima formazione, alcuni dei loro nomi sono già noti alle forza dell’ordine del metal finlandese (Thunderstone, Agonizer, Before The Dawn).

I reati commessi sono sempre gli stessi, uso improprio di chitarra e voce, e contrabbando di death metal melodico.  La prima udienza è stata fissata per il prossimo 19 febbraio quando sul banco degli imputati salirà Only For The Blinded Eyes, il loro album di debutto.

Dalle prime testimonianze emerge un suono complesso, con sfumature progressive che a tratti sfociano nel numetal, soprattutto nella parte vocale. Nella cassaforte già ricolma di gemme preziose del calibro di Insomnium spunta qualche piccolo gioiellino meno prestigioso preso in prestito da "The Gray Chapter", l’ultima fatica degli Slipknot 

Facendo ammenda degli arrangiamenti ancora un po’ rudimentali e la completa assenza della profondità tipica del death metal melodico finlandese ai quali band come Amorphis, Before The Down o gli stessi Insomnium ci hanno abituato, gli accordi vengono mitigati da una bella orchestrazione che incorpora a sé dinamici riff di chitarra.

Il primo brano “Smile” è una traccia inarrestabile, che mette in mostra sia la furia del metal scandinavo che le tendenze melodiche già suggerite dagli Opeth di "Heritage". Il modus operandi dei brani successivi è un pochino più scontato, la band si muove verso una dimensione più progressive, diminuendo l’effetto melodico per confluire in quello più sporco e selvaggio di un mondo che riesce poco a colmare i vuoti emozionali.

I brani conclusivi "In Your Face", "Two Worlds Colliding" e "Dancing On Our Graves", pur mostrando sempre il lato più rabbioso della band, dissipano uno stato di tensione che sembrava non trovare pace, tornando sul luogo del misfatto che meglio si adatta alla natura stilistica dei finlandesi.

Only For The Blinded Eyes non sarà un album innovativo, ma riuscirà comunque ad aprire nuove strade sulle quali avanzare sicuri.

In attesa del giudizio finale, noi intanto li assolviamo per mancanza di prove.

6.5/10
Michela (Anesthesia)



Line Up:
Iiro Kuntsi - vocals and guitar
Atte Palokangas - drums
Joni Laine - guitar
Toni Keskinen - bass